Nazionali – All-Around http://all-around.net All-Around.net la webzine dedicata al basket Fri, 07 Dec 2018 17:47:36 +0000 it-IT hourly 1 http://all-around.net/wp-content/uploads/2015/09/cropped-All-Around_logo-102-32x32.jpg Nazionali – All-Around http://all-around.net 32 32 Italbasket 2018-19: report dal Consiglio Federale Fip di giovedì 6 dicembre 2018 http://all-around.net/2018/12/06/italbasket-2018-19-report-dal-consiglio-federale-fip-di-giovedi-6-dicembre-2018/ Thu, 06 Dec 2018 17:15:14 +0000 http://all-around.net/?p=167394 Si è tenuto a Roma (Sala Giunta CONI, Foro Italico) il Consiglio Federale della FIP presieduto dal dott. Giovanni Petrucci.   Tra i principali argomenti trattati:   Nazionale femminile. Raffaella Masciadri Ad inizio lavori il presidente Petrucci ha ricordato, complimentandosi con l’allenatore Marco Crespi, lo staff e tutte le Azzurre, la qualificazione della Nazionale femminile […]

L'articolo Italbasket 2018-19: report dal Consiglio Federale Fip di giovedì 6 dicembre 2018 proviene da All-Around.

]]>
Si è tenuto a Roma (Sala Giunta CONI, Foro Italico) il Consiglio Federale della FIP presieduto dal dott. Giovanni Petrucci.

 

Tra i principali argomenti trattati:

 

Nazionale femminile. Raffaella Masciadri

Ad inizio lavori il presidente Petrucci ha ricordato, complimentandosi con l’allenatore Marco Crespi, lo staff e tutte le Azzurre, la qualificazione della Nazionale femminile ad EuroBasket Women 2019 ottenuta con il primo posto nel girone. Ha anche ringraziato Raffaella Masciadri, una delle migliori giocatrici italiane di tutti i tempi, per il grande impegno e la dedizione mostrata nel tempo alla maglia Azzurra in occasione del suo ritiro, dopo 193 partite, dalla Nazionale.

 

Legabasket Serie A

Il Consiglio Federale ha preso atto con soddisfazione di alcune deliberazioni della Lega di Serie A relative al progetto di autoregolamentazione e sostenibilità del movimento professionistico.

 

Nazionale Senior Maschile. Si gioca a Varese contro l’Ungheria

Sarà l’Enerxenia Arena di Varese a ospitare Italia-Ungheria, penultima partita delle qualificazioni alla FIBA World Cup del prossimo anno. Il match, decisivo per tornare al Mondiale dopo 13 anni di assenza, si giocherà venerdì 22 febbraio 2019. L’ultima apparizione degli Azzurri a Masnago fu un’amichevole contro la Grecia nell’estate del 2003. In totale, la Nazionale Senior Maschile ha giocato a Varese 8 partite amichevoli. Contro i magiari sarà la prima gara ufficiale di sempre nell’impianto lombardo.

 

Palma d’Oro a Boscia Tanjevic

Il presidente Petrucci ha consegnato la Palma d’Oro del CONI, massima onorificenza tecnica, a Boscia Tanjevic.

Tanjevic, attualmente Direttore Tecnico Generale delle Nazionali Giovanili, ha guidato la Nazionale maschile Campione d’Europa nel 1999. Nel 2010 è stato allenatore della Nazionale Turca Argento al Campionato del Mondo. Inoltre ha vinto scudetti in Francia, Jugoslavia, Serbia-Montenegro, Turchia ed Italia.

Federconsumatori. Il basket si conferma lo sport più economico per le famiglie
Anche quest’anno, il basket si conferma lo sport più economico. Il costo per la pratica della pallacanestro ammonta a 567 euro annui, di cui 420 euro per il corso, 95 euro per l’attrezzatura e circa 52 euro per l’iscrizione. Lo ha stabilito l’ONF, l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori prendendo in esame i costi delle attività sportive per ragazzi fino ai 14 anni, nonché il costo del corredo e delle attrezzature necessarie per praticare alcune attività sportive.

Ufficio Stampa FIP

L'articolo Italbasket 2018-19: report dal Consiglio Federale Fip di giovedì 6 dicembre 2018 proviene da All-Around.

]]>
FIBA Basketball World Cup Qualifiers 2019: la Polonia è più forte di questa Italbasket fallito il primo #MatchBall per i Mondiali in Cina http://all-around.net/2018/12/02/fiba-basketball-world-cup-qualifiers-2019-la-polonia-e-piu-forte-di-questa-italbasket-fallito-il-primo-matchball-per-i-mondiali-in-cina/ Sun, 02 Dec 2018 22:28:33 +0000 http://all-around.net/?p=167317 Danzica (POL), 2 dicembre 2018 – Una Polonia decisamente superiore ad un’Italbasket che ha giocato alla pari solo i 5′ di gioco per poi sempre e solo subire lungo tutto l’arco del match, vince con pieno merito la seconda gara della seconda finestra di qualificazione ai Mondiali FIBA del prossimo anno in Cina con il […]

L'articolo FIBA Basketball World Cup Qualifiers 2019: la Polonia è più forte di questa Italbasket fallito il primo #MatchBall per i Mondiali in Cina proviene da All-Around.

]]>
Danzica (POL), 2 dicembre 2018 – Una Polonia decisamente superiore ad un’Italbasket che ha giocato alla pari solo i 5′ di gioco per poi sempre e solo subire lungo tutto l’arco del match, vince con pieno merito la seconda gara della seconda finestra di qualificazione ai Mondiali FIBA del prossimo anno in Cina con il risultato di 94-78.

Gli americani direbbero wire-to-wire, cioè una gara condotta dall’inizio alla fine per questa scatenata Polonia, fisicamente ed atleticamente straripante per lunghi tratti della gara ed effettivamente il sentore che sarebbe potuta andare così lo si era percepito giovedì 29 novembre: mentre l’Italbasket regolava la sua Bestia Nera lituana a Brescia, i biancorossi di coach Mike Taylor asfaltavano a domicilio l’Olanda per 78-105, facendo intuire che incontrarla oggi a Danzica non sarebbe stata certo una passeggiata di salute!!

Nulla di compromesso ora in chiave qualificazione, sebbene si debba attendere adesso la terza, ed ultima finestra del calendario per chiudere il discorso. Inoltre gli Azzurri sono ancora al secondo posto in solitaria e con il -16 conclusivo mantengono favorevole la differenza canestri vs i biancorossi (101-82 all’andata a Bologna). La prossima chance adesso gli Azzurri l’avranno il 22 febbraio 2019, quando affronteranno in casa l’Ungheria, oggi vincente sull’Olanda per 91-86 dopo un tempo supplementare. Il 25 febbraio infine l’ultima gara delle qualificazioni, contro la Lituania i quali questa sera hanno rafforzato la loro leadership nel Girone J battendo la Croazia 79-62. Ovvio che ci si augura di staccare il pass la sera del 22 febbraio perchè non vorremo proprio giocarcela in casa dei baltici la nostra qualificazione ai Mondiali, incrociamo le dita.

Polonia-Italia 94-78

Non è andata come speravamo. Volevamo chiudere qui il discorso qualificazione ma dovremo aspettare febbraio. Non era facile in Polonia ma ci abbiamo provato. Non molleremo finchè non avremo in tasca il pass per la Cina.

Pubblicato da Italbasket su Domenica 2 dicembre 2018

Tutto rimandato dunque, perchè stasera all’Ergo Arena di Danzica l’Italbasket di Meo Sacchetti ha dovuto inseguire sin dalla palla a due: pronti, via e dopo appena 3″ Polonia già a segno con Ponitka lanciato da Lampe!! L’Italbasket ha avuto in Stefano Tonut il primo scoglio alla quale aggrapparsi ma sull’8-8 (6 p.ti della guardia veneziana), era Waczynski a metter dentro il 10-8 che avrebbe lanciato i padroni di casa come frecce infuocate verso la vittoria. Sempre Ponitka e Lampe salgono in cattedra, trascinando la Polonia al primo break della gara (12-2). I canestri di Abass, Gentile e Cinciarini accorciano sul 16-24, ma i biancorossi si confermano squadra  pericolosa, e con le triple di Slaughter e Sokolowski volano sul +13 (31-18 a fine primo quarto), che traccerà comunque un solco incolmabile tra le due squadre.

Secondo periodo, Ale Gentile prova a scuotere l’Italia dopo un primo periodo difficilissimo, ed Abass riporta gli Azzurri a una sola cifra di distanza con due bombe consecutive (33-41). Da lì in poi, e fino a un minuto dalla fine del primo tempo, il gap rimane pressoché invariato (ancora una tripla di Abass, autore di 11 punti nei secondi 10’, per il 39-47). Ma ad ogni canestro Azzurro la squadra di Taylor risponde sempre per le rime. Emblema ne è la tripla sulla sirena di Cel, che manda i biancorossi avanti 52-41 a metà partita.

Neanche di rientro dagli spogliatoi la Polonia si concede un attimo di distrazione ed anzi si esalta con le triple di Waczynski e Slaughter per il +17 (47-64 al minuto 24’). Coach Sacchetti chiama time-out, e questa volta la riunione in panchina sortisce effetti concreti. Con un 12-1 a firma Aradori (11 punti nel quarto) l’Italbasket torna a -8 (57-65). Il gioco da 4 di Gentile potrebbe essere la giusta chiusura del quarto, ma ancora una volta la Polonia castiga ancora sulla sirena (Hrycaniuk per il 65-73).

Quarto periodo, quando si dovrebbe dare il massimo sforzo, invece l’Italbasket crolla. L’11-4 biancorosso (67-84) manda in visibilio il pubblico dell’Ergo Arena, e suona come un requiem per gli Azzurri che non segnano nei primi 5′ del periodo. Lampe fa il bello e il cattivo tempo (12 punti su 22 negli ultimi 10 minuti), Slaughter scandisce i ritmi dell’attacco polacco (11 gli assist oltre a 10 punti) e l’Italia non trova il modo di scardinare la difesa avversaria. Termina 94-78 per la Polonia.

Migliori marcatori della gara sono stati Pietro Aradori e Awudu Abass, entrambi con 13 punti. Dieci i punti per Gentile e Burns. Ma resta del rammarico per come, ad esempio, non si sia pensato di portare in squadra un vero centro di ruolo da opporre a questo straripante Macej Lampe di questa sera: troppo il gap fisico tra lui ed i seppur volenterosi e tenaci Burns, Biligha ed anche Luca Vitali e Brian Sacchetti, in una comunque strenua difesa di quanto più possibile si potesse intendere come un’arginare al colosso polacco. Un gap fisico che ha indirizzato foga ed entusiasmo proprio nel primo, letale periodo per l’Italbasket, davvero non sarebbe stato utile un Tessitori od un Cervi, seppure con i loro indiscussi limiti tecnico-atletici Meo?

Inoltre, se in difesa non si riusciva ad arginare lo strapotere dei biancorossi, almeno provare a giocare a chi segna di più. Ma anche in quel caso, Italbasket deficitaria: troppi errori dalla lunga con il 30% per l’Italbasket vs il 47% polacco nonostante si sia provato anche ad attaccare il ferro avversario. Il talento però, non s’inventa…Alla prossima ed incrociamo le dita, è dal 2006 che non si partecipa ad un Mondiale.

Sala Stampa

Meo Sacchetti

“Sapevamo che sarebbe stato difficile ma il brutto primo quarto ci ha condizionato. Le statistiche parlano chiaro e stasera la Polonia ha giocato meglio di noi. Abbiamo avuto degli sprazzi ma nel momento decisivo dovevamo essere più lucidi. Ci manca una vittoria per qualificarci e vogliamo farlo subito a febbraio contro l’Ungheria. Il bilancio di questa finestra resta positivo anche se volevamo chiudere qui il discorso. Un pensiero lo dedico a Gianni Asti, scomparso poche ore fa”.

Polonia – Italia 94-78

Parziali: 31-18, 21-23, 21-24, 21-13

 

Fabrizio Noto/FRED

@FaberNoto

L'articolo FIBA Basketball World Cup Qualifiers 2019: la Polonia è più forte di questa Italbasket fallito il primo #MatchBall per i Mondiali in Cina proviene da All-Around.

]]>
FIBA Basketball World Cup Qualifiers 2019: l’Italbasket è arrivata in Polonia nel post-vittoria vs la Lituania http://all-around.net/2018/11/30/fiba-basketball-world-cup-qualifiers-2019-litalbasket-e-arrivata-in-polonia-nel-post-vittoria-vs-la-lituania/ Fri, 30 Nov 2018 22:52:53 +0000 http://all-around.net/?p=167216 Danzica (POL), 30 novembre 2018 – Sono già in Polonia, specificatamente a Danzica, gli Azzurri dell’Italbasket giunti stamane dopo due ore di volo. Domenica 2 sera quindi vero e primo #MatchBall per staccare il biglietto verso i Mondiali cinesi del prossimo anno nel secondo match della seconda finestra di queste qualificazioni. Sereno e soddisfatto il […]

L'articolo FIBA Basketball World Cup Qualifiers 2019: l’Italbasket è arrivata in Polonia nel post-vittoria vs la Lituania proviene da All-Around.

]]>
Danzica (POL), 30 novembre 2018 – Sono già in Polonia, specificatamente a Danzica, gli Azzurri dell’Italbasket giunti stamane dopo due ore di volo. Domenica 2 sera quindi vero e primo #MatchBall per staccare il biglietto verso i Mondiali cinesi del prossimo anno nel secondo match della seconda finestra di queste qualificazioni.

Sereno e soddisfatto il clima nel clan Azzurro, con i giocatori reduci dalla bella prestazione contro la Lituania (70-65) in un PalaLeonessa gremito. Vincere domenica vs la Polonia significherebbe infatti staccare il pass per la Cina con due partite di anticipo, quelle della prossima ed ultima finestra prevista in febbraio 2019. Attenzione però perchè in caso di sconfitta contemporanea di Croazia (in Lituania) ed Ungheria (in casa contro i Paesi Bassi) l’Italbasket potrebbe anche permettersi di perdere contro i polacchi e festeggiare ugualmente la qualificazione.

Dopo il match di Brescia, hanno salutato la squadra Candi, Moraschini e Tessitori, accogliendo Andrea Cinciarini, proveniente da Kaunas dove l’Olimpia aveva disputato perdendo, nel tardo pomeriggio di ieri il suo contro lo Zalgiris in Eurolega. Sono quindi 14 gli uomini a disposizione del CT Sacchetti per la delicata trasferta in terra polacca.

Gli avversari, che ieri hanno spazzato via i Paesi Bassi a Den Bosch con un rotondo 105-78 sono in piena corsa per il Mondiale e saldamente al terzo posto del girone J dietro la Lituania (certa del pass già da settembre) e l’Italia, seconda con 7 vittorie e 2 sconfitte. Ancora in gioco la Croazia, che ieri ha battuto in casa l’Ungheria, ora costretta a vincere almeno due partite su tre. Gli olandesi invece sono ormai sull’orlo dell’eliminazione hanno sole 3 vittorie a fronte di 6 sconfitte.

Un minuto e mezzo per raccontarvi il viaggio degli Azzurri da Brescia a Danzica! 🎥✈🇮🇹🇵🇱🙌🏻🕺🏼🏢🏀#Italbasket #ThisIsMyHouse #FIBAWC

Pubblicato da Italbasket su Venerdì 30 novembre 2018

Una gara importante quella vinta ieri vs la Lituania ma soprattutto importante per un esordio da favola per Giampaolo “Pippo” Ricci, capace di piazzare una tripla pochi secondi dopo il suo ingresso in campo alla primissima presenza in Nazionale.

“Ho preso la palla, ho tirato…Non ci ho pensato e non l’ho neanche vista entrare avevo le luci davanti. E’ stata una scossa d’adrenalina incredibile. Quando sono rientrato negli spogliatoi a fine partita mi tremavano le mani. Esultare in panchina, fare parte della Nazionale…Lo ricorderò per sempre. Abbiamo dimostrato tanta maturità, la Lituania è stata sempre viva, ma noi siamo stati bravi nell’ultimo quarto a cercare la vittoria più di loro. Il pubblico ci ha dato una gran mano, è stata una partita pazzesca”.

 

 

L'articolo FIBA Basketball World Cup Qualifiers 2019: l’Italbasket è arrivata in Polonia nel post-vittoria vs la Lituania proviene da All-Around.

]]>
FIBA World Cup Qualifiers 2019: l’Italbasket non poi così brutta ma è sporca e cattiva e batte finalmente la Lituania 70-65 ed ora la Cina è più vicina http://all-around.net/2018/11/29/fiba-world-cup-qualifiers-2019-litalbasket-non-poi-cosi-brutta-ma-e-sporca-e-cattiva-e-batte-finalmente-la-lituania-70-65-ed-ora-la-cina-e-piu-vicina/ Thu, 29 Nov 2018 22:26:14 +0000 http://all-around.net/?p=167158 Brescia, 29 novembre 2018 – Non si doveva stupire il nutritissimo pubblico bresciano con effetti speciali, al debutto con l’Azzurro Italbasket nel suo gioiello chiamato PalaLeonessa, bensì battere la tostissima Lituania (imbattuta ancora), nel primo match della seconda finestra per il girone J delle Qualificazioni della FIBA World Cup 2019. Missione compiuta, Lituania a casa dopo un […]

L'articolo FIBA World Cup Qualifiers 2019: l’Italbasket non poi così brutta ma è sporca e cattiva e batte finalmente la Lituania 70-65 ed ora la Cina è più vicina proviene da All-Around.

]]>
Brescia, 29 novembre 2018 – Non si doveva stupire il nutritissimo pubblico bresciano con effetti speciali, al debutto con l’Azzurro Italbasket nel suo gioiello chiamato PalaLeonessa, bensì battere la tostissima Lituania (imbattuta ancora), nel primo match della seconda finestra per il girone J delle Qualificazioni della FIBA World Cup 2019. Missione compiuta, Lituania a casa dopo un numero indefinito di amarezze, match vinto per 70-65 ed ora, anche in virtù degli altri risultati nello stesso girone (Croazia vincente vs l’Ungheria e Polonia nettamente OK in Olanda), con una sola vittoria si stacca il biglietto per Pechino!

Non si doveva stupire il pubblico, magari sarebbe stato meglio farlo ma nel compenso l’Italbasket di Meo Sacchetti ha fatto battere forte i cuori dei presenti per la grinta, per la voglia di battersi su ogni pallone e perchè ha stretto forte i denti quando la Lituania avrebbe potuto tracimare, in quel terzo periodo in cui sembrava che tutto stesse prendendo una piega diversa. Ed invece eccoli là, questo nucleo di Azzurri con molto meno talento degli assenti ma con uno spirito decisamente fuori dalla norma, a fare la differenza ed a battere una squadra solidissima ed organizzata come sempre. Senza dimenticare che la Lituania non perdeva vs l’Italbasket dalla storica semifinale di Atene 2004, quella da intenderci vinta in quella magica notte, con quella di pioggia di triple…

La prova? Beh, come spesso capita, è nei numeri. Ad esempio, il tiro, il semplice tiro a canestro. L’Italbasket chiude con 36,6% dal campo che raramente conduce alla vittoria (anzi), mentre i tricolori del Baltico dicono 49,1%.

Ma dov’è che l’Italbasket ha portato allora a casa la tanto, agognata vittoria? Prima di tutto con una gran difesa, specie nell’ultimo periodo eppoi ai rimbalzi. Non tanto nel parziale di questo fondamentale, 40-36 comunque a favore dell‘Italbasket, bensi i ben 18 rimbalzi offensivi vs i 6 lituani, che hanno dato energia, convinzione e vigore ad una fase offensiva poco brillante, molto statica, spesso impastatasi sui pick’n’roll non compiutamente sfruttati e senza riuscire quasi mai a battere l’avversario nell’uno vs uno. Eppoi un ruolo importantissimo alla fine le hanno avuto le palle perse: ben 15 quelle dei lituani vs le appena 6 dell’Italbasket che ha mostrato superiorità in questo fondamentale statistico.

Andiamo ai singoli. Il miglior marcatore è stato Awudu Abass con 13 punti, entrato dalla panchina a dare una scossa importantissima nel secondo periodo, dando una mano corposa all’Italbasket per passare dal 26-31 al 36-31. In doppia cifra anche Achille Polonara con 11 punti che ha messo una tripla fondamentale nel quarto periodo e raccogliendo ben 7 rimbalzi. Ma non va sottaciuta la prova di Luca Vitali, come Abass giocatore di casa, con 7 punti, 3 rimbalzi, 8 assist e 3 recuperate, MVP come efficacia nel match, come quella di Brian Sacchetti, autore dell’unica tripla dall’arco ma quella decisiva, che dava il 66-60 a 32″ dalla fine. E possiamo dimenticare gli 8 punti di Pietro Aradori con ben 7 rimbalzi? I 6 punti di Alessandro Gentile (apparso con un tiro in sospensione sempre più…Peggiorato…Mah…), o quelli di Paul Biligha

Sul fronte lituano, inutile far notare che il migliore dei suoi sia stato il solito Rimantas Kalnietis. L’ex Olimpia Milano anche questa volta si erge a protagonista, ne mette solo 15 di punti ma illumina il gioco lituano insieme a Renaldas Seibutis che, quantomeno in attacco, è stato molto limitato dall’ottima difesa Azzurra, 9 punti per lui. Bene anche Jonas Maciulis, doppia doppia per lui con 10 rimbalzi e 10 punti. 

L’importante era vincere e la vittoria è arrivata. Per avere adesso la matematica certezza della qualificazione in questa penultima finestra, l’Italbasket dovrà allora battere anche la Polonia, nella gara in programma domenica 2 dicembre a Danzica (ore 20:15, diretta su SkySport). 

Una piccola nota: durante l’intervallo, fra il primo e il secondo quarto, il PalaLeonessa si è stretto nel ricordo di Marco Solfrini, indimenticato Azzurro della Medaglia d’Argento a Mosca ’80. Il presidente FIP Giovanni Petrucci ha consegnato la Maglia numero 13 del “Doctor J” italiano, originario di Brescia, alla figlia Alice. Magari, lo vogliamo intitolare proprio a lui questo PalaLeonessa?

La cronaca

Primo periodo, il primo canestro dell’incontro è del nostro capitano, poi i 5 punti di Polonara (tripla e schiacciata) rispondono a Kalnietis e Seibutis per il 9-9. A 4’ dal primo intervallo si rivede in Azzurro Alessandro Gentile, assente dalla prima finestra delle Qualificazioni (novembre 2017) e subito in partita con 2 punti (15-13) che costano a coach Adomaitis il primo time-out dell’incontro. All’ottavo di gioco è poi il momento di Giampaolo Ricci , che firma il suo esordio con la Nazionale maggiore con la tripla del 19-21. I baltici sono però una sentenza dalla lunga, non smentiscono la loro leadership che li vede al primo posto nelle Qualificazioni europee per realizzazioni dall’arco, e con il  4/4 da 3 chiudono avanti 24-20 i primi 10 minuti.

Abass padrone del secondo quarto. Insieme ai fratelli Vitali è lui a suonare la carica con 9 punti di ottima fattura che mandano gli Azzurri al massimo di +5 (36-31 al minuto 15) dopo che i baltici avevano messo un leggero margine di vantaggio sempre grazie alle loro conclusioni dall’arco. La Lituania non sembra accusare lo sprint dell’Italbasket,  ma l’ultimo possesso della prima metà gara Aradori sferra un colpo che può far male. Dalla transizione veloce Sacchetti pesca il capitano, che tramuta in oro l’assist con il canestro del 42-35.

Maciulis apre le danze nel terzo periodo, prima con 4 punti consecutivi, poi con l’assist per Geben che, con il gioco da tre, rimette in parità il punteggio (49-49), con ancora 14 minuti da giocare. Momento no per la squadra di Sacchetti, a secco per 4 possessi consecutivi. Un invito troppo ghiotto per i lituani che mettono la freccia (53-51), prima che Filloy chiuda il penultimo periodo sul 53-53.

Minibreak Azzurro nel quarto quarto. Abass, Biligha e Gentile (più Aradori dopo il tecnico fischiato a Maciulis) allungano 60-53 a 5’ dalla fine. I baltici passano un brutto momento, ma si riprendono con Seibutis e e il solito Kalnietis (60-58). Ci pensa Polonara, alla sua seconda tripla della serata, a dare ossigeno all’Italia (63-60 al minuto 37). Esaltante l’ultimo minuto. L’Italia gioca col cronometro, lotta sottocanestro, sbaglia il primo tap in vincente e prega sulla tripla di Seibutis, che si stampa sul ferro. Il punto esclamativo arriva allora da Sacchetti, a secco fino a quel momento, ma che a 32’’ dalla conclusione trova i 3 punti che mandano ko la Lituania. Abass dalla lunetta fissa il punteggio sul 70-65.

Sala Stampa

Meo Sacchetti

“Stasera tutti hanno portato il loro mattoncino alla causa e questo mi rende davvero orgoglioso della mia squadra. Abbiamo patito l’inizio del match ma poi con aggressività abbiamo rimesso in piedi la partita. L’intensità ha fatto la differenza. Adesso andiamo in Polonia con questo spirito. Se basterà non lo so ma noi ci proveremo in tutti i modi. Sono molto contento per questa bella prestazione”.

 

Italia-Lituania 70-65

Parziali: 20-24, 22-11, 11-18, 17-12

 

Fabrizio Noto/FRED

@FaberNoto

L'articolo FIBA World Cup Qualifiers 2019: l’Italbasket non poi così brutta ma è sporca e cattiva e batte finalmente la Lituania 70-65 ed ora la Cina è più vicina proviene da All-Around.

]]>
FIBA World Cup Qualifiers 2019: al PalaLeonessa venerdì 29 novembre primo #MatchBall per l’Italbasket vs la Lituania http://all-around.net/2018/11/28/fiba-world-cup-qualifiers-2019-al-palaleonessa-venerdi-29-novembre-primo-matchball-per-litalbasket-vs-la-lituania/ Wed, 28 Nov 2018 19:52:28 +0000 http://all-around.net/?p=167130 Roma, 28 novembre 2018 – Ormai mancano solo 24 ore per il primo #MatchBall per l’Italbasket di Meo Sacchetti per qualificarsi alla FIBA World Cup 2019 che si svolgeranno in Cina. Domani sera, venerdì 29 novembre alle ore 20:15 al PalaLeonessa di Brescia (con diretta Sky Sport HD), andrà in scena la prima partita della seconda […]

L'articolo FIBA World Cup Qualifiers 2019: al PalaLeonessa venerdì 29 novembre primo #MatchBall per l’Italbasket vs la Lituania proviene da All-Around.

]]>
Roma, 28 novembre 2018 – Ormai mancano solo 24 ore per il primo #MatchBall per l’Italbasket di Meo Sacchetti per qualificarsi alla FIBA World Cup 2019 che si svolgeranno in Cina. Domani sera, venerdì 29 novembre alle ore 20:15 al PalaLeonessa di Brescia (con diretta Sky Sport HD), andrà in scena la prima partita della seconda finestra di qualificazione tra appunto l’Italbasket e la Lituania di coach Dainius Adomaitis. Domenica 2 dicembre poi il secondo ed ultimo match di questa finestra in Polonia.

Ma concentrandoci ovviamente su questa partita, Meo Sacchetti ha sciolto le riserve in riferimento ai 12 giocatori che saranno a referto domani sera. Enorme curiosità per il ritorno in Azzurro di Alessandro Gentile (63 presenze e 759 punti), che aveva disputato le ultime partite con l’Italbasket nella prima finestra di qualificazione al Mondiale (settembre 2017, vittorie contro Romania e Croazia), e che quest’anno ha preferito la Liga ACB accasandosi all’Estudiantes, squadra che al momento non sta andando al meglio in campionato. Per il momento, il figlio di Nando viaggia a 10,5 p.ti/gara. Esordio assoluto invece per Giampaolo Ricci, un giusto premio per la sua splendida stagione ad oggi con la Vanoli Cremona.

La situazione nel girone è definita. La Lituania è già qualificata ai FIBA World Cup con le sue 8 vittorie in 8 gare (oltre alla Cina e alla Lituania, Grecia, Germania, Repubblica Ceca, Nigeria e Tunisia), mentre l’Italbasket è alle sue spalle come seconda forza del raggruppamento con 6 vittorie e 2 sconfitte, ed è in piena corsa per uno dei due posti ancora a disposizione per staccare il pass per l’ingresso fra le 32 Nazionali del Mondiale cinese. Ovvio che vincere domani per l’Italbasket sarebbe fondamentale, sarebbe quasi una certezza di passare il turno in vista delle altre 3 gare prima della fine del girone. L’unico handicap è che l’Italbasket avrà con però due gare fuori (domenica 2 dicembre in Polonia ed in Lituania), ed una sola in casa vs l’Ungheria in casa nella terza finestra del girone.

Per la storia invece, quella di domani sarà la sfida numero 30 contro i baltici, avanti nei precedenti 19-10 e, nel recente passato, spesso l’Italbasket si è vista la strada sbarrata dal team baltico che abbina fisicità e qualità da tempo.

Infine, pochi tagliandi disponibili per il sold out al PalaLeonessa e pressione alta per gli Azzurri che saranno:

#4 Pietro Aradori (1988, 196, A, Segafredo Virtus Bologna)

#5 Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, Movistar Estudiantes Madrid – Spagna)

#6 Paul Biligha (1990, 200, C, Umana Reyer Venezia)

#7 Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)

#12 Ariel Filloy (1987, 190, P, Sidigas Avellino)

#17 Giampaolo Ricci (1991, 201, A, Vanoli Cremona)

#23 Awudu Abass (1993, 200, A, Germani Basket Brescia)

#27 Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)

#31 Michele Vitali (1991, 196, G, MoraBanc Andorra – Spagna)

#32 Christian Burns (1985, 203, A/C, A|X Armani Exchange Milano)

#33 Achille Polonara (1991, 205, A, Banco di Sardegna Sassari)

#41 Brian Sacchetti (1986, 200, A, Germani Basket Brescia)

Ecco invece la Lituania:

#5 Mantas Kalnietis 1986 1.95 G Asvel (FRA)

#7 Adas Juškevičius 1989 1.94 P/G Nanterre 92 (FRA)

#8 Jonas Mačiulis 1985 1.98 A AEK – Grecia

#10 Renaldas Seibutis 1985 1.96 G Zaragoza (SPA)

#12 Martinas Geben 1994 2.06 C Juventus Utena

#14 Martynas Echodas 1997 2.06 C BC Rytas

#18 Mindaugas Girdžiūnas 1989 1.89 P BC Rytas

#21 Gytis Masiulis 1998 2.06 A Neptunas Klaipeda

#22 Eimantas Bendžius 1990 2.07 A BC Rytas

#31 Rokas Giedraitis 1992 2.00 A Alba Berlin (GER)

#34 Edgaras Želionis 1989 2.07 C Afyon (TUR)

#51 Arnas Butkevičius 1992 1.96 A BC Rytas

 

Capo Allenatore: Dainius Adomaitis

L'articolo FIBA World Cup Qualifiers 2019: al PalaLeonessa venerdì 29 novembre primo #MatchBall per l’Italbasket vs la Lituania proviene da All-Around.

]]>
FIBA Basketball World Cup 2019: l’Italia affronta la sua bestia nera la Lituania a Brescia http://all-around.net/2018/11/27/fiba-basketball-world-cup-2019-litalia-affronta-la-sua-bestia-nera-la-lituania-a-brescia/ Tue, 27 Nov 2018 10:44:52 +0000 http://all-around.net/?p=167093 “La prima delle ultime quattro partite delle Qualificazioni. Contro una squadra, la Lituania, per la quale parlano le 8 vittorie nelle 8 gare finora disputate. Non discutiamo il loro valore, ma l’Italia ha dimostrato finora il giusto atteggiamento. Conosco il pubblico di Brescia, sa stare vicino alla propria squadra anche nei momenti difficili. Ora tocca […]

L'articolo FIBA Basketball World Cup 2019: l’Italia affronta la sua bestia nera la Lituania a Brescia proviene da All-Around.

]]>
La prima delle ultime quattro partite delle Qualificazioni. Contro una squadra, la Lituania, per la quale parlano le 8 vittorie nelle 8 gare finora disputate. Non discutiamo il loro valore, ma l’Italia ha dimostrato finora il giusto atteggiamento. Conosco il pubblico di Brescia, sa stare vicino alla propria squadra anche nei momenti difficili. Ora tocca a noi meritare il loro supporto. Un pensiero lo voglio dedicare a Marco Ceron e alla sua famiglia. Ieri ero a Brescia per la partita e ho assistito al suo infortunio. Spero si rimetta presto!”.

Questo in pillole l’intervento del CT Meo Sacchetti durante la Conferenza stampa di Italia – Lituania, prima gara della quinta finestra di FIBA Basketball World Cup 2019 e quart’ultimo impegno degli Azzurri nella rincorsa al Mondiale cinese iniziata nel settembre 2017.

La Sala dei Giudici di Palazzo della Loggia di Brescia ha fatto da cornice all’evento che presenta la partita di giovedì 29 novembre al PalaLeonessa (ore 20:15, diretta su SkySport), e che si è aperto con le parole del presidente FIP Giovanni Petrucci: “Sono stato sindaco, so quanto sia difficile in un Comune trovare l’unione di intenti per riedificare un impianto sportivo. Per questo va attribuito un grande merito alla città di Brescia e all’amministrazione presieduta dal sindaco Emilio Del Bono e alla Leonessa Brescia della presidentessa Graziella Bragaglio. Insieme hanno dimostrato quali risultati si possono raggiungere lavorando con impegno. Contro la Lituania è una partita importante. Lo ricordo ogni giorno al CT Sacchetti, è il mio dovere mettere pressione. Ma bisogna esaltare questa partita, che giocheremo contro una Nazionale importantissima. Sulla carta è una partita difficile, ma abbiamo anche vinto contro di loro, come nella Semifinale Olimpica del 2004. Ho visto il pubblico di Brescia in Supercoppa, è straordinario. So che lo sarà anche con l’Italia giovedì prossimo. Speriamo di partire per Danzica (dove la Nazionale giocherà contro i padroni di casa della Polonia il 2 dicembre, ndr) con un sorriso in più”.

L’Italia torna a Brescia a distanza di 18 anni, dopo l’amichevole del 1998 vinta col San Marino All Stars. Ancor più datato (1979) l’altro precedente, con la vittoria degli Azzurri nell’amichevole con la Bulgaria. La posta in palio è ora decisamente più alta e il pubblico di Brescia ha già risposto in modo eccellente.

Antonio Santa Maria, direttore generale di Master Group Sport, advisor commerciale della FIP e organizzatore dell’evento, commenta così: “Organizziamo eventi sportivi da 22 anni, poter utilizzare il rinnovato PalaLeonessa, impianto ristrutturato e con tanta tecnologia a disposizione, ci riempie d’orgoglio. Ringrazio il sindaco Del Bono e la presidentessa Bragaglio. Siamo quasi al sold out, mancano circa 800 biglietti. Oltre al circuito vivaticket (www.vivaticket.it), apriremo i botteghini al palazzetto dalle ore 15.00 del 29 novembre. Master Group cerca sempre di spettacolarizzare l’evento, siamo felici che la FIP ci dia la fiducia per organizzare le gare delle Nazionali. L’aspetto tecnico della partita è ovviamente in primo piano, a noi però piace creare un evento nell’evento. A tal proposito, al PalaLeonessa sarà allestito un corner dove daremo l’opportunità ai tifosi di vedere, attraverso il visore VR, un video spettacolare, immersivo, e che permetterà di sentirsi a contatto diretto con gli Azzurri. Se ne parlerà molto!”.

A chiudere la Conferenza è stato il sindaco di Brescia Emilio Del Bono, che oggi festeggia il suo compleanno: “E’ un bellissimo regalo poter presentare il ritorno della Nazionale a Brescia. La presidentessa Bragaglio ha riportato il grande basket in città, dove si respira una vera fame di pallacanestro. Tante realtà diverse stanno scommettendo su questo sport, che sa coinvolgere un pubblico trasversale. Mi aspetto il sold out. Sarà un grande spettacolo, ringrazio la FIP per aver portato a Brescia uno dei momenti più importanti del torneo di Qualificazione al Mondiale 2019”.

Durante la conferenza stampa Giacomo Galanda, consigliere federale e responsabile del Settore Scuola, ha presentato la seconda edizione di EASYBASKETinCLASSE, il progetto per la Scuola Primaria realizzato insieme a Neways, che porta in oltre 4.000 classi di tutta Italia la versione “Easy” del giocosport della pallacanestro.

Diego Flaccadori è stato autorizzato a non raggiungere il raduno della Nazionale a Brescia a causa di un trauma distorsivo collo piede destro riportato ieri durante il match di campionato tra Dolomiti Energia Trentino e Banco di Sardegna Sassari. Al suo posto il CT ha convocato Riccardo Moraschini, atleta della Happy Casa Brindisi.

I 16 convocati per il raduno di Brescia

Awudu Abass (1993, 200, A, Germani Basket Brescia)

Pietro Aradori (1988, 196, A, Segafredo Virtus Bologna)

Paul Biligha (1990, 200, C, Umana Reyer Venezia)

Christian Burns (1985, 203, A/C, A|X Armani Exchange Milano)

Leonardo Candi (1997, 190, P, Grissin Bon Reggio Emilia)

Ariel Filloy (1987, 190, P, Sidigas Avellino)

Simone Fontecchio (1995, 203, A, A|X Armani Exchange Milano)

Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, Movistar Estudiantes Madrid – Spagna)

Riccardo Moraschini (1991, 194, G/A, Happy Casa Brindisi)

Achille Polonara (1991, 205, A, Banco di Sardegna Sassari)

Giampaolo Ricci (1991, 201, A, Vanoli Cremona)

Brian Sacchetti (1986, 200, A, Germani Basket Brescia)

Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)

Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)

Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)

Michele Vitali (1991, 196, G, MoraBanc Andorra – Spagna)

 

Giocatori a disposizione

Francesco Candussi (1994, 211, C, Scaligera Basket Verona)

Raphael Gaspardo (1993, 207, A, Grissin Bon Reggio Emilia)

Davide Pascolo (1990, 203, A, Dolomiti Energia Trentino)

Andrea Pecchia (1997, 196, G/A, Remer Treviglio)

 

Lo Staff

Capo Delegazione: Giovanni Petrucci

Commissario Tecnico: Romeo Sacchetti

Assistenti: Lele Molin, Massimo Maffezzoli, Paolo Conti

Preparatore Fisico: Matteo Panichi

Ortopedico: Raffaele Cortina

Medico: Sandro Senzameno

Fisioterapisti: Roberto Oggioni, Francesco Ciallella

Team Director: Roberto Brunamonti

Team Manager: Massimo Valle

Addetto Stampa: Francesco D’Aniello

Videomaker: Marco Cremonini

Addetto ai Materiali: Curzio Garofoli

 

Il programma

 

Lunedì 26 novembre

Ore 13.00 – Inizio raduno

Ore 17.30/19.30 – Allenamento presso PalaLeonessa

 

Martedì 27 novembre

Ore 10.00/12.00 – Allenamento

Ore 17.30/19.30 – Allenamento

 

Mercoledì 28 novembre

Ore 10.00/12.00 – Allenamento

Ore 17.30/19.30 – Allenamento

 

Giovedì 29 novembre

Ore 10.00/11.00 – Allenamento

Ore 20.15 Italia-Lituania (diretta Sky Sport HD)

 

Venerdì 30 novembre

Ore 10.00 – Volo Brescia-Danzica (Polonia)

Ore 18.00/20.00 – Allenamento

 

Sabato 1 dicembre

Ore 10.00/11.00 – Allenamento

Ore 18.30/20.00 – Allenamento

 

Domenica 2 dicembre

Ore 10.00/11.00 – Allenamento

Ore 20.15 Polonia-Italia (Ergo Arena, diretta Sky Sport HD)

 

Lunedì 3 dicembre

Ore 10.00 – Volo Danzica-Roma

Fine del raduno

 

FIBA WORLD CUP 2019 QUALIFIERS #FIBAWC

Girone J: Italia, Lituania, Polonia, Paesi Bassi, Croazia, Ungheria

 

Prima giornata – 14 settembre 2018

Italia – Polonia 101-82

Paesi Bassi – Ungheria 59-74

Croazia – Lituania 83-84

 

Seconda giornata – 17 settembre 2018

Ungheria – Italia 63-69

Lituania – Paesi Bassi 95-93

Polonia – Croazia 79-74

 

Terza giornata – 29 novembre 2018

Italia – Lituania (20.15, PalaLeonessa, Brescia – diretta su SkySport)

Paesi Bassi – Polonia (20.00, Maasport, Den Bosch)

Croazia – Ungheria (18.00, Sports Hall Gradski Vrt, Osijek)

 

Quarta giornata – 2 dicembre 2018

Polonia – Italia (20.15, ERGO Arena, Danzica – diretta su SkySport)

Lituania – Croazia (19.30, Siemens Arena, Vilnius)

Ungheria – Paesi Bassi (16.00, Tuskecsarnok, Budapest)

 

Quinta giornata – 22 febbraio 2019

Italia – Ungheria

Paesi Bassi – Lituania

Croazia – Polonia

 

Sesta giornata – 25 febbraio 2019

Lituania – Italia

Polonia – Paesi Bassi

Ungheria – Croazia

 

La classifica del Girone J*

 

Lituania 16 punti** (8/8)

Italia 14 (6/2)

Polonia 12 (4/4)

Ungheria 12 (4/4)

Paesi Bassi 11 (3/5)

Croazia 11 (3/5)

 

*FIBA assegna due punti per la vittoria e uno per la sconfitta

** già qualificata

 

 

 

Ufficio Stampa FIP

L'articolo FIBA Basketball World Cup 2019: l’Italia affronta la sua bestia nera la Lituania a Brescia proviene da All-Around.

]]>
FIBA EuroBasket Women Qualifiers 2019: missione compiuta l’Italbasket Rosa batte la Svezia e si qualifica ad Euro 2019 in Serbia e Lettonia http://all-around.net/2018/11/21/fiba-eurobasket-women-qualifiers-2019-missione-compiuta-litalbasket-rosa-batte-la-svezia-e-si-qualifica-ad-euro-2019-in-serbia-e-lettonia/ Wed, 21 Nov 2018 22:35:36 +0000 http://all-around.net/?p=166836 La Spezia, 21 novembre 2018 – Missione compiuta! In un PalaMariotti colmo, in una cornice di pubblico degna di un evento importante come la Qualificazione ad EuroBasket Women 2019, l’Italbasket Rosa di coach Marco Crespi centra l’obiettivo di qualificarsi ai prossimi campionati europei che si svolgeranno in Serbia ed in Lettonia battendo la Svezia per […]

L'articolo FIBA EuroBasket Women Qualifiers 2019: missione compiuta l’Italbasket Rosa batte la Svezia e si qualifica ad Euro 2019 in Serbia e Lettonia proviene da All-Around.

]]>
La Spezia, 21 novembre 2018 – Missione compiuta! In un PalaMariotti colmo, in una cornice di pubblico degna di un evento importante come la Qualificazione ad EuroBasket Women 2019, l’Italbasket Rosa di coach Marco Crespi centra l’obiettivo di qualificarsi ai prossimi campionati europei che si svolgeranno in Serbia ed in Lettonia battendo la Svezia per 62-56. Le cinque vittorie consecutive ottenute dalla squadra di Marco Crespi hanno quindi permesso alla Nazionale Femminile di riscattare il passo falso accusato all’esordio contro la Croazia, a San Martino dè Lupari. Quindi l’Italbasket Rosa si qualifica per la quarta volta di fila alla rassegna continentale, un bel traguardo per un movimento in rosa che sta dando ottimi risultati.

Nell’Italbasket Rosa tutte brave, nessuna esclusa, in una gara troppo importante e dal peso specifico notevole. Tra tutte però eccellente la prova di colei che sarebbe poi stata l’MVP del match, Olbis Andre, in grado di mettere sotto un’avversaria come Amanda Zahui. La 20enne ragazza di origini angolane sporcava tutti palloni a rimbalzo e quasi da solo reggeva il peso del gioco sotto le plance, con il coach svedese Gomez che schierava a sorpresa oltre a Zahui anche l’altra sua lunga di peso, Louice Halvarsson. Alla fine per lei 20 p.ti per lei e doppia doppia sfiorata con i 9 rimbalzi catturati! Benissimo anche Elisa Penna da Wake Forest, che con i suoi tiri e 10 p.ti ha dato solidità all’attacco che non ha visto le scintillanti ed usuali prove balistiche del duo Giorgia SottanaCecilia Zandalasini anzi…Non si ricorda una gara in Azzurro con Sottana da 1/12 al tiro!! La CeciZanda poi ha scritto 8 p.ti sul tabellino ma ha raccattato ben 9 rimbalzi, insomma un bel modo per farsi notare.

La cronaca.

Come in Croazia, Marco Crespi lancia in quintetto Francesca Dotto (decisiva nei bollenti possessi finali del quarto periodo), Sottana, Zandalasini, Cinili e Andrè. La partita è equilibrata, una gara di rara intensità che le Azzurre hanno condotto sempre nel punteggio (eccezion fatta per il 13-15 della Top scorer svedese, Frida Eldebrink all’8), anche grazie ad una difesa eccellente, specialmente nei primi 25′ di gioco. Del resto la posta in palio era troppo alta, gara quasi giocata più sull’errore altrui che sulle proprie individualità. la tensione è elevatissima perché le due squadre sanno di giocarsi l’accesso all’Europeo in 40 minuti.

La tripla di Cinili muove subito il punteggio ma la Svezia risponde e con la tripla di Zahui trova il primo vantaggio (7-8). Zandalasini ci riporta avanti e Andrè, dominatrice assoluta sotto le plance nelle due metà campo, replica per il +3. L’Italia perde un paio di palloni di troppo ma dopo il 13-15 di Frida Eldebrink arriva il primo break significativo delle Azzurre a cavallo tra primo periodo (chiusosi sul 19-15), e l’inizio del secondo perido, col 13-0 ispirato da Penna e dalla solita Andrè che esalta un PalaMariotti ricolmo di passione Azzurra. E’ ancora Penna a spingere le Azzurre e poi arriva la tripla di Sottana che doppia la Svezia sul 38-19 sul finire del primo tempo. All’intervallo lungo si va sul 40-21 con Andre a un passo dalla doppia doppia: 14 punti e 8 rimbalzi in 15 minuti. Ma soprattutto le svedesi hanno fatto un solo canestro su azione, per un parziale da 21-6.

Terzo periodo, l’Italbasket Rosa riesce a mantenere i 20 punti di vantaggio anche nella prima metà del terzo quarto, è ancora Andre a siglare il massimo vantaggio sul 46-23 al 25’. La reazione della Svezia però arriva immediata con la fiammata di Halvarsson, che mette 6 punti di fila e riporta le scandinave sul -14 (48-34), prima della tripla di Zahui (50-37 al 28’) e del piazzato di Elin Eldebrink.

All’ultimo intervallo l’Italia si presenta con soli 9 punti di vantaggio e un po’ di spavento, per il vantaggio ridotto dal +23 al +9. Penna e la rubata di Dotto ci fanno respirare (+13) ma la Svezia è sempre lì, col jump di Abdi che vale il nuovo -8. L’antisportivo fischiato a Zandalasini complica ulteriormente la situazione (56-50) e poi il quinto fallo di Crippa consente ad Abdi di accorciare ulteriormente (56-52). Le Azzurre non trovano più la via del canestro, dopo aver dominato il primo tempo, e Halvarsson appoggia per il 56-54. A rompere il sortilegio è Dotto e poi Zandalasini allunga sul +6. Il libero di Andre riporta la Svezia a -6 ma non c’è più tempo per le scandinave.

C’è tempo solo per le Azzurre, per queste splendide Azzurre, per festeggiare una qualificazione meravigliosa e voluta con tutte le energie.

A fine gara, l’indescrivibile emozione nel salutare l’ultima partita di Raffaella Masciadri in Maglia Azzurra: in Nazionale “Mascia” ha collezionato 192 presenze e 1.701 punti, terza dietro a Cata Pollini e Bianca Rossi. In totale ha vinto 14 scudetti, 9 volte la Coppa Italia e 15 edizioni della Supercoppa italiana. L’esordio in Nazionale il 16 maggio 2001, quando l’Italia superò il Portogallo a Limerick (Irlanda). Il 29 agosto 2007 in Turchia la partita Masciadri nella quale ha realizzato più punti, 26 alla Lituania.

Sala Stampa

Marco Crespi

Un primo posto è sempre un primo posto, noi l’abbiamo costruito dopo il brutto esordio di San Martino di Lupari. Penso che dopo quella sconfitta nessuno pensava che potessimo passare con questa autorevolezza. E’ un bel risultato e soprattutto è un investimento per il futuro”.

Giovanni Petrucci

L’obiettivo è stato raggiunto e adesso vogliamo fare bella figura all’Europeo. Questa è una Nazionale che diverte e che non molla mai. Il patema d’animo è nel nostro DNA ma oggi contava vincere e lo abbiamo fatto. Bellissimo vedere questo grande pubblico a La Spezia. Li ringrazio tutti”.

 

Italia-Svezia 62-56

Parziali: 19-15; 21-6; 10-20; 12-15

 

 

L'articolo FIBA EuroBasket Women Qualifiers 2019: missione compiuta l’Italbasket Rosa batte la Svezia e si qualifica ad Euro 2019 in Serbia e Lettonia proviene da All-Around.

]]>
FIBA EuroBasket Women Qualifiers 2019: mercoledì 21 c’è il #MatchBall a La Spezia per l’Italbasket Rosa che affronta la Svezia http://all-around.net/2018/11/20/fiba-eurobasket-women-qualifiers-2019-mercoledi-21-ce-il-matchball-a-la-spezia-per-litalbasket-rosa-che-affronta-la-svezia/ Tue, 20 Nov 2018 18:08:49 +0000 http://all-around.net/?p=166782 La Spezia, 20 novembre 2018 – La classica gara del “dentro o fuori” o, se si preferisce, lo scontro diretto che vale una stagione. Andrà in scena domani, mercoledì 21 novembre, alle ore 20:30 al PalaMariotti la gara tra l’Italbasket Rosa e la Svezia, ultimo impegno dell’EuroBasket Women Qualifiers 2019 con diretta televisiva su SkySport1HD. Chi vince […]

L'articolo FIBA EuroBasket Women Qualifiers 2019: mercoledì 21 c’è il #MatchBall a La Spezia per l’Italbasket Rosa che affronta la Svezia proviene da All-Around.

]]>
La Spezia, 20 novembre 2018 – La classica gara del “dentro o fuori” o, se si preferisce, lo scontro diretto che vale una stagione. Andrà in scena domani, mercoledì 21 novembre, alle ore 20:30 al PalaMariotti la gara tra l’Italbasket Rosa e la Svezia, ultimo impegno dell’EuroBasket Women Qualifiers 2019 con diretta televisiva su SkySport1HD.

Chi vince la partita si qualifica direttamente per il prossimo Europeo nel 2019 che si disputerà in Serbia e Lettonia, dal 27 giugno al 7 luglio, mentre chi perde dovrà dotarsi di calcolatrice e sperare di rientrare tra le migliori sei seconde classificate degli otto gironi. Al momento sono già sette le squadre certe di un posto all’EuroBasket Women 2019: i Paesi ospitanti Lettonia e Serbia e poi Turchia, Spagna, Repubblica Ceca, Slovenia e Russia. Il sorteggio dei gironi dell’Europeo si terrà a Belgrado il 12 dicembre.

Una gara quindi particolarmente delicata che però l’Italbasket Rosa potrà disputare tra le mura amiche, fattore non da poco considerando che il PalaMariotti si prevede sold out. A rafforzare ulteriormente il clima di fiducia che accompagna le Azzurre alla gara di domani sono anche i precedenti contro la Svezia, che han visto Italbasket Rosa e scandinave l’una vs l’altra in undici circostanze. In dieci occasioni si è imposta l’Italia, la prima all’Europeo di Poznan (Polonia) nel 1978 (102-64), l’ultima lo scorso febbraio a Boras (47-69), proprio nella gara di andata dell’EuroBasket Women Qualifiers 2019. L’unica sconfitta con le scandinave è arrivata nella finale per il settimo posto all’Europeo 2013, 60-77 a Orchies (Francia).

Il team scandinavo poggia il proprio gioco offensivo principalmente sul centro Amanda Zahui, che nelle prime cinque partite di qualificazione ha viaggiato a 14,8 punti e 13,6 rimbalzi di media. Impossibile poi non citare le gemelle Elin e Frida Eldebrink, spesso a condurre il gioco della squadra ma anche a concludere dallo spot di guardia.

Comunque lo staff tecnico Azzurro deciderà le 12 giocatrici che scenderanno in campo a La Spezia solo domani dopo l’ultimo allenamento, con il controllo anche delle condizioni fisiche di alcune atlete.

Ma sicuramente nel roster di Italia-Svezia ci sarà Raffaella Masciadri e per lri sarà l’ultima partita in Maglia Azzurra. Undici anni in Italbasket Rosa per “Mascia” che ha collezionato 192 presenze e ben 1.701 punti, terza dietro a Cata Pollini e Bianca Rossi. In totale ha vinto 14 scudetti, 9 volte la Coppa Italia e 15 edizioni della Supercoppa italiana. L’esordio in Nazionale risale al 16 maggio 2001, quando l’Italia superò il Portogallo a Limerick (Irlanda). Il 29 agosto 2007 a Kusadasi (Turchia) la partita nella quale ha realizzato più punti, 26 alla Lituania. Insomma, una campionessa che ha regalato tantissime emozioni al pubblico italiano e che verrà celebrata in modo esaltante.

Ma tornado all’impegno di domani, ecco le parole di Cecilia Zandalasini, a Slavonski Brod non particolarmente brillante in attacco ma molto presente in difesa:

“Arriviamo all’ultimo impegno con convinzione: a parte la prima partita persa a San Martino di Lupari con la Croazia, nelle altre finestre abbiamo preso progressivamente fiducia nei nostri mezzi passando con autorità sia a Boras che a Slavonski Brod. Sappiamo che solo giocando insieme possiamo superare gli ostacoli. Alla vigilia dell’ultima partita è normale ci sia un po’ di tensione ma soprattutto all’interno della squadra c’è entusiasmo. E tanta voglia di scendere in campo per prenderci, tutte insieme, questo Europeo”.

Italia-Svezia (ore 20.30, PalaMariotti di La Spezia, diretta SkySport1HD)

ITALIA

3 Nicole Romeo (’89, P, 1.66, Canik Belediyesi Samsun, Turchia)

5 Gaia Gorini (’92, 1.81, P, Umana Reyer Venezia)

6 Marcella Filippi (’85, 1.85, A, Famila Schio)

7 Giorgia Sottana (’88, 1.75, P, Fenerbahce, Turchia)

9 Cecilia Zandalasini (’96, 1.85, A, Fenerbahce, Turchia)

10 Francesca Dotto (’93, 1.70, P, Famila Schio)

11 Raffaella Masciadri (’80, 1.85, Ala, Famila Schio)

14 Martina Crippa (’89, 1.78, G-A, Famila Schio)

21 Giuditta Nicolodi (’95, 1.85, Geas Sesto San Giovanni)

22 Kathrin Ress (’85, 1.92, C, Saces Mapei Napoli)

23 Sabrina Cinili (’89, 1.91, A, Passalacqua Ragusa)

33 Olbis Andre Futo (’98, 1.86, A, Famila Schio)

41 Elisa Penna (’95, 1.91, A, Wake Forest University, USA)

99 Debora Carangelo (’92, 1.69, P, Umana Reyer Venezia)

Coach: Marco Crespi

Assistenti: Giovanni Lucchesi, Cinzia Zanotti

 

SVEZIA

1 Farhiya Abdi (’92, 1.88, A)

4 Nathalie Fontaine (’93, 1.88, A)

5 Chioma Nnamaka (’85, 1.76, G)

6 Frida Eldebrink (’88, 1.75, P)

7 Klara Lundqvist (’99, 1.72, P)

8 Ellen Nystrom (’93, 1.85, A

9 Elin Eldebrink (’88, 1.70, P)

10 Danielle Hamilton Carter (’90, 1.91, C)

12 Anna Barthold (’80, 1.85, A)

13 Binta Drammeh (’92, 1.81, G)

14 Louice Halvarsson (’89, 1.91, C)

17 Amanda Zahui (’93, 1.96, C)

Ellen Astrom (’96, 1.70, G)

Elin Ljunggren (’96, 1.84, A)

Coach: Francois Gomez

 

Classifica

ITALIA, Svezia 4-1; Croazia 2-3; Macedonia 0-5.

 

21 novembre 2018

Italia-Svezia (La Spezia, ore 20.30, diretta SkySport1HD); Croazia-Macedonia

L'articolo FIBA EuroBasket Women Qualifiers 2019: mercoledì 21 c’è il #MatchBall a La Spezia per l’Italbasket Rosa che affronta la Svezia proviene da All-Around.

]]>
FIBA World Cup Qualificazioni 2018-19: diramate le convocazioni per le due sfide dell’Italbasket Maschile vs Lituania e Polonia e rispunta Ale Gentile http://all-around.net/2018/11/19/fiba-world-cup-qualificazioni-2018-19-diramate-le-convocazioni-per-le-due-sfide-dellitalbasket-maschile-vs-lituania-e-polonia-e-rispunta-ale-gentile/ Mon, 19 Nov 2018 19:11:43 +0000 http://all-around.net/?p=166744 Roma, 19 novembre 2018 – A dieci giorni dal primo dei due matches che vedrà nuovamente in campo l’Italbasket Maschile vs la Lituania prima (29 novembre al PalaLeonessa) e quella esterna vs la Polonia dopo (2 dicembre a Danzica), per le qualificazioni ai prossimi Mondiali in Cina nel 2019, è stata diramata la lista dei 16 giocatori […]

L'articolo FIBA World Cup Qualificazioni 2018-19: diramate le convocazioni per le due sfide dell’Italbasket Maschile vs Lituania e Polonia e rispunta Ale Gentile proviene da All-Around.

]]>
Roma, 19 novembre 2018 – A dieci giorni dal primo dei due matches che vedrà nuovamente in campo l’Italbasket Maschile vs la Lituania prima (29 novembre al PalaLeonessa) e quella esterna vs la Polonia dopo (2 dicembre a Danzica), per le qualificazioni ai prossimi Mondiali in Cina nel 2019, è stata diramata la lista dei 16 giocatori convocati e che dovranno radunarsi a Brescia il lunedì 26 novembre, in vista del match vs la Lituania che si svolgerà al PalaLeonessa.

L’Italbasket Maschile, seconda nel gruppo J dietro la Lituania ma in vantaggio su tutte le altre formazioni, cercheranno di vincere entrambe le gare per staccare anticipatamente il pass per il Mondiale. Pertanto stamane, come anticipato prima, il CT Meo Sacchetti ha reso noti i 16 giocatori che proveranno a guadagnarsi, già in questa finestra, il semaforo verde per la rassegna iridata in programma il prossimo anno in Cina.

La novità, se di novità vogliamo parlare, è la riconvocazione di Alessandro Gentile, le cui ultime apparizioni in Azzurro risalgono esattamente ad un anno fa, ovvero le due presenze nella prima finestra contro la Romania a Torino e la Croazia a Zagabria. Inoltre le ottime prestazioni in questo inizio di campionato di Serie A sono valse la chiamata a Giampaolo Ricci, che a Cremona è una delle più belle rivelazioni della stagione. Lo stesso Ricci, inserito più volte nella long list del CT, è stato il capitano della Nazionale Sperimentale nella scorsa estate. Tornano anche Fontecchio e Polonara dopo aver saltato entrambi la quarta finestra.

Ecco comunque la lista completa dei giocatori:

Awudu Abass (1993, 200, A, Germani Basket Brescia)
Pietro Aradori (1988, 196, A, Segafredo Virtus Bologna)
Paul Biligha (1990, 200, C, Umana Reyer Venezia)
Christian Burns (1985, 203, A/C, A|X Armani Exchange Milano)
Andrea Cinciarini (1986, 193, P, A|X Armani Exchange Milano)
Ariel Filloy (1987, 190, P, Sidigas Avellino)
Diego Flaccadori (1996, 193, G, Dolomiti Energia Trentino)
Simone Fontecchio (1995, 203, A, A|X Armani Exchange Milano)

Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, Movistar Estudiantes Madrid – Spagna)
Achille Polonara (1991, 205, A, Banco di Sardegna Sassari)

Giampaolo Ricci (1991, 201, A, Vanoli Cremona)
Brian Sacchetti (1986, 200, A, Germani Basket Brescia)
Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)
Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)
Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)
Michele Vitali (1991, 196, G, MoraBanc Andorra – Spagna)

 

Giocatori a disposizione

Leonardo Candi (1997, 190, P, Grissin Bon Reggio Emilia)

Francesco Candussi (1994, 211, C, Scaligera Basket Verona)

Raphael Gaspardo (1993, 207, A, Grissin Bon Reggio Emilia)

Riccardo Moraschini (1991, 194, G/A, Happy Casa Brindisi)
Davide Pascolo (1990, 203, A, Dolomiti Energia Trentino)

Andrea Pecchia (1997, 196, G/A, Remer Treviglio)

 

L'articolo FIBA World Cup Qualificazioni 2018-19: diramate le convocazioni per le due sfide dell’Italbasket Maschile vs Lituania e Polonia e rispunta Ale Gentile proviene da All-Around.

]]>
FIBA EuroBasket Women 2019 Qualifiers: un’Italbasket Rosa quasi perfetta vince in Croazia e si garantisce il 2° posto ora la Svezia a La Spezia http://all-around.net/2018/11/17/fiba-eurobasket-women-2019-qualifiers-2018-19-unitalbasket-rosa-quasi-perfetta-vince-in-croazia-e-si-garantisce-il-2-posto-ora-la-svezia-a-la-spezia/ Sat, 17 Nov 2018 22:20:13 +0000 http://all-around.net/?p=166647 Slavonski Brod (CRO), 17 novembre 2018 – Un’Italbasket Rosa ai limiti della perfezione tecnico-agonistica batte a domicilio la temibile Croazia per 52-64, dominando in certi tratti il match e chiudendo quantomeno al 2° posto nel girone H delle qualificazioni ai prossimi FIBA EuroBasket Women 2019. Una grande soddisfazione per tutto lo staff, ad iniziare da […]

L'articolo FIBA EuroBasket Women 2019 Qualifiers: un’Italbasket Rosa quasi perfetta vince in Croazia e si garantisce il 2° posto ora la Svezia a La Spezia proviene da All-Around.

]]>
Slavonski Brod (CRO), 17 novembre 2018 – Un’Italbasket Rosa ai limiti della perfezione tecnico-agonistica batte a domicilio la temibile Croazia per 52-64, dominando in certi tratti il match e chiudendo quantomeno al 2° posto nel girone H delle qualificazioni ai prossimi FIBA EuroBasket Women 2019.

Una grande soddisfazione per tutto lo staff, ad iniziare da un coach come Marco Crespi, alla sua prima esperienza nel mondo del basket in rosa e subito capace di caratterizzare gioco ed anima di una squadra combattiva e mai doma. Vincere vs una selezione croata per noi italiani rappresenta da sempre un ostacolo, ebbene questa sera le ragazze dell’Italbasket Rosa hanno giocato in attacco un’ottimo basket, peccato non aver avuto una Cecilia Zandalasini come spesso abbiamo visto in Azzurro. La ragazza veneta, adesso in forza al Fenerbahce, è apparsa poco reattiva, pasticciona in attacco – perdendo un paio di possessi non da lei – ma soprattutto deficitaria al tiro, dettaglio non da poco per il suo modo di giocare. Di contro, se la stella della CeciZanda Nazionale è apparsa questa sera un attimo in calando, splende invece quella di Elisa Penna: la miglior marcatrice per le Azzurre con 17 punti, tirando con uno strepitoso 5/6 dalla lunga.

In doppia cifra anche Giorgia Sottana e Francesca Dotto con 13 p.ti e l’esordiente Nicole Romeo con 10 p.ti, che ha fatto vedere quanto sia importante la grinta e la determinazione in questo sport.

Elisa Penna, MVP del match

La cronaca.

Coach Crespi schiera in quintetto Francesca Dotto, Sottana, Zandalasini, Penna e Andre. Le Azzurre partono con la faccia giusta e dopo 4’ sono sul 9-2 con 5 punti di Sottana. Come a San Martino di Lupari nella partita dello scorso anno, la Croazia si affida a Rezan con continuità e così torna a contatto, monetizzando i rimbalzi offensivi (11 solo a fine primo tempo): l’Italia sbanda sulla tripla di Sandric e poi è Rezan a siglare il primo vantaggio biancorosso (13-12). Ma la risposta immediata di un Italbasket Rosa determinatissima arriva da Penna: la sua fiammata ci riporta subito avanti e poi è Dotto a spingerci a +3. Le Azzurre non si fermano e volano sul +8 (24-32) a due minuti dall’intervallo, con la raffica Sottana-Romeo-Penna.

Il terzo quarto inizia col 4-0 croato ma le Azzurre non si spaventano: le triple di Sottana e Dotto valgono il massimo vantaggio sul 30-41 e poi Zandalasini allunga sul 32-45. L’Italia mantiene stabilmente la doppia cifra di vantaggio contenendo Rezan e Sandric, ancora di Elisa Penna la tripla del +14 (42-56) con 5 minuti ancora da giocare. Il canestro della staffa lo mette Nicole Romeo (43-59), subito imitata da Andre col lay-up che vale il +18 e l’esplosione di gioia della panchina Azzurra. Fa festa l’Italia!

L’Italia tornerà in campo mercoledì 21 novembre al PalaMariotti di La Spezia (ore 20.30, diretta su SkySportHD, biglietti su www.vivaticket.it) contro la Svezia nell’ultima sfida dell’EuroBasket Women 2019 Qualifiers. Chi vince chiude in testa il girone, all’Europeo accedono le prime classificate e le sei migliori seconde degli otto gruppi.

Sala Stampa

Marco Crespi

“Sono molto contento perché abbiamo ottenuto una vittoria pesantissima e perché l’abbiamo colta giocando una partita eccellente. Difficile confrontare questa gara con quella di un anno fa a San Martino di Lupari ma mi piace farlo perché rispetto a 12 mesi fa la nostra durezza fisica, atletica e tecnica è stata di un livello assolutamente superiore. Non posso fare altro che applaudire le ragazze per l’eccellente lavoro”.

Croazia-Italia 52-64

Parziali: 15-17; 26-32; 40-50

 

L'articolo FIBA EuroBasket Women 2019 Qualifiers: un’Italbasket Rosa quasi perfetta vince in Croazia e si garantisce il 2° posto ora la Svezia a La Spezia proviene da All-Around.

]]>